BIOGRAFIA

CRITICHE

Carlo Roccazzella, in arte Caro, è nato a Piazza Armerina (EN) l'11 gennaio 1950.

Da molti anni vive a Milano dove svolge prevalentemente la sua attività artistica; è docente di storia dell'arte al "Liceo Legnai" di Saronno ed è anche direttore artistico dell'Accademia Italiana del terzo millennio. Ha conseguito la laurea in architettura nella sua città di adozione nel 1975 al Plitecnico di Milano.

Si è dedicato fin da giovanissimo alla pittura mediante gli insegnamenti del padre, Liborio Diego, ottimo pittore operante nel campo della tradizione classica. Già da bambino,"il piccolo Caro", si distingueva per pregievoli quadretti e disegni. Emblematico è un disegno dei mille garibaldini (proprio mille soldatini uno dopo l'altro ), realizzati con la matita rosso/blu, per il quale otteneva il plauso ed un premio speciale dal maestro elementare...

Sono noti anche i suoi personaggi che come carte da gioco, disegnava e colorava su foglietti di quaderno a quadretti che incollava su diversi cartoncini e ancora, tante altre carinerie come le maschere del teatro dell'arte, le bandiere, gli animali, il decorativismo su bottiglie, sassi di mare etc. Per estendere le conoscenze teoriche e tecniche della sua professione pittorica, Caro ha viaggiato in vari Paesi europei ed extraeuropei dove ha eseguito schizzi ed abbozzi, poi rielaborati in studio attraverso il ricordo e la fantasia perchè come diceva Raffaello "Nelle arti è molto importante imparare da tutti ma non imitare nessuno".

Caro ha maturato un curriculum formidabile di innumerevoli mostre in gallerie e musei di tutta Italia e nel mondo. Ha partecipato a numerose esposizioni anche a favore di associazioni benefiche ed ha conseguito diversi premi e segnalazioni critiche. Tra gli ultimi riconoscimenti si ricorda quello dell'ottobre 2004 assegnatogli da Vittorio Sgarbi in occasione del concorso " Morbidamente donna", organizzato dalla casa di moda Elena Mirò. Nel novembre 2005 ( proprio quando nasceva il suo primo figlio Diego), veniva presentato un libro di poesie del poeta Lucio Zaniboni, la cui copertina, con un quadro di Caro : una giostra con dei bambini su cavalli bianchi rappresentava appunto il titolo del libro "La giostra della vita".

...in occasione del concorso online(ottobre 2004) "Morbidamente donna" presso lo Showroom della casa di moda Elena Mirò, il presidente della giuria Vittorio Sgarbi, ha sottolineato il legame tra il mondo della moda e dell'arte e ha messo in evidenza il talento di Caro giunto secondo tra 500 partecipanti...


In occasione del primo premio internazionale Marc Chagal(Atelier Chagal febbraio 2004) Walter Venanzio ha messo in evidenza la forza d'espressione delle opere di Caro e dice poi che sono forme di notevole spessore artistico particolarmente determinate...

Pedro Fiori (personale galleria Delfino a Rovereto, ottobre 1986)
...i suoi personaggi sono come messaggeri di fiabe dove il colore è il midollo della pittura...

Sulla rivista Artecultura , Giuseppe Martucci ha più volte parlato di Caro mettendo in luce la sua caratteristica di intervento e il suo messaggio legato agli alti e bassi umori della vita.

Alla quinta biennale illustrata di Pompei(marzo 1984) Giulio Carlo Argan esaltava il ruolo dell'opera d'arte come segno che documenta il compiersi di un'esperienza... e metteva in luce poi il lavoro dei 34 artisti espositori tra i quali Caro, protagonisti della storia e ricchi di impegno sociale .

Mario Monteverdi alla rassegna d'arte presso il Palazzo del Turismo di Milano(ottobre 1985) dice di Caro ...un pittore di sostanza cromatica, di luce, di sonorità...

In occasione della personale al Salotto dell'arte di Milano(giugno 89) Angelora Brunella di Risio sottolinea la passionalità mediterranea dell'operato artistico di Caro parlando della sua arte gravida di emozioni, di realtà e sogno, di memorie...


Nel giugno 1986 Domenico Manzella evidenziava il carattere sociale dei dipinti di Caro... il palcoscenico dell'umanità... personaggi che provengono da borgate e quartieri, che litigano, che chiacchierano, che ballano, che amano la vita...



E hanno scritto e parlato di Caro

Romano Fattorelli, Gianni Besozzi, Antonio Canfora, Domenico Cara, Lia Ciatto, Bruno De Cerce, Antonio Oberti, Carlo Fumagalli, Carmen Martinelli, Marina Neri, Anna Peracchio, Mario Portalupi, Lino Rolando Tuccio, Gianna Pagani Paolino, Francesco Vigorito, Michele Carrella, Maria Teresa Corleto, Carlo Occhipinti, Marina Ferrante, Ester Martinelli, Mario Cossali, Natale Zaccuri, Licio Damiani, Ugo Zingales, Ferdinando Castro, Fulvia Santoro, Cristina Cenedella, Daniela Bonaretti, Virgilio Patarini, Vittorio Sgarbi, Mauro Dovico, Bruno De Santi e Donato Carissimo.